San Giovanni Incarico – Il sindaco Fallone: “Ecco perchè abbiamo detto no all’uscita dell’Unione di Comuni”

 Il sindaco Paolo Fallone e l’intera amministrazione fanno chiarezza sul voto contrario alla proposta di uscita dell’Unione di Comuni Antica Terra di Lavoro del consigliere di minoranza Umberto Zimarri.

La scelta di rimanere nell’Ente è stata motivata dalla maggioranza, guidata da Fallone, quale “garanzia e tutela degli interessi dell’intera cittadinanza per ripristinare democrazia e legalità”.

“Non sono sorpreso – ha dichiarato il sindaco di San Giovanni Incarico Paolo Fallone – della campagna di delegittimazione di questa Amministrazione, favorita, peraltro,  dalla proposta di Zimarri di uscire dall’Unione di Comuni Antica Terra di Lavoro. Questa nostra presa di posizione rappresenta la volontà  di garantire e tutelare gli interessi dell’intera cittadinanza per ripristinare democrazia e legalità. In consiglio, infatti, abbiamo elencato tutte le motivazioni che ci hanno convito a rimanere nell’Unione di Comuni confermando, vista la richiesta di Zimarri, che noi non ne siamo mai usciti, contrariamente a quanto si tenta di far credere ai cittadini. La posizione di rimanere nell’Unione di Comuni è infatti dettata dalla priorità di tutelare gli interessi dei cittadini di San Giovanni Incarico. Noi crediamo e pensiamo che una gestione associata tra enti può produrre risparmio e profitti.
Noi proseguiremo su questa strada rigettando tutti quei tentativi messi in campo per discreditare la nostra azione politica – amministrativa supportata da una squadra forte e coesa che non teme confronti e prosegue il suo cammino mettendo al centro sempre i cittadini”.