Pontecorvo – Debiti ereditati per 3 milioni: il report del sindaco

3 milioni di euro sborsati in tre anni: report del sindaco sui conti del Comune e sui debiti ereditati. 

“Come il buon padre di famiglia, ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo ripiantato i debiti. Per tre anni abbiamo taciuto: ora è giusto che la gente sappia.

Ecco l’elenco completo dei debiti che l’ufficio ragioneria ci ha certificato e che provengono dalle passate gestioni. 

Quota di adesione al Consorzio Valle del Liri, anni 2013 – 2014: 50, mila pagati nel 2016; sentenza professionista di Pontecorvo per una progettazione anni 2006-2008: 352 mila euro erogati in tre annualità tra il 2016-2018; debito Asm di 144 mila euro per gli anni dal 2009 al 2012 che abbiamo pagato nel 2017 in unica soluzione; nel 2017 arriva 574 mila euro sentenza esproprio via Vallario; sentenze di condanna per processi dal 2004 al 2014 per un importo di  mila euro 226 ( tra esse c è anche quella di un dipendente del comune ex comandante vigili urbani che fu estromesso dal servizio di comandante nel 2011 per essere assegnato ad altro servizio e il Comune è stato condannato a pagare 44 mila euro); debito Saf anni 2013 e 2014  per 168 mila euro pagati nel 2017 in una soluzione; poi arriva la famosa cartella esattoriale da 1 milione 475 mila euro per il finanziamento della Tangenziale, mai realizzata. 

Questi sono i numeri certificati dall’ufficio ragioneria, ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo rimesso in sesto i conti. Contestualmente stiamo lavorando a tanti progetti, alcuni dei quali già ultimati, ma il bello deve ancora venire. Onorare i debiti, anche se non contratti da noi, è stato un atto di razionalità e di responsabilità nei confronti di tutti. In una famiglia prima si pagano i debiti e poi si fa altro: noi abbiamo fatto così e ne siamo orgogliosi”. Lo comunica il sindaco Anselmo Rotondo