#InternoSalute&Benessere# – Nutrizione, la scelta del professionista tra garanzie e giusti risultati

di Rosalba Carnevale*

Quando si tratta di salute non si scherza, soprattutto quando ciò si lega al cibo e alla dieta.
Gli studi scientifici dimostrano che la salute si costruisce a tavola, sulla base del cibo che mangiamo. È dunque essenziale dare la giusta importanza a una dieta varia ed equilibrata, caratterizzata dall’assunzione bilanciata dei vari nutrienti.
Talora anche in centri di estetica, palestre, erboristerie o farmacie vengono elargiti consigli nutrizionali con grande libertà e fantasia. Inoltre ogni giorno siamo inondati da articoli, programmi radio o TV, spot pubblicitari che parlano di nutrizione.
Scegliere il professionista giusto a cui affidare la propria salute è fondamentale. Per questo motivo è importante fare chiarezza su quali sono le figure professionali che, legalmente, possiedono la facoltà di elaborare diete.
Il problema dell’abusivismo nel campo della dietologia è presente in Italia da molti anni e contribuisce alla grande confusione che c’è in materia tra la popolazione. Alcune figure che si spacciano per nutrizionisti si presentano nei modi più disparati: “etologi alimentari”, “naturopati”, “iridologi”, “consulenti nutrizionali”, “personal trainer”. Ma gli unici professionisti che possono elaborare diete sono: medico, biologo nutrizionista e dietista. Ognuno di essi, possiede delle specifiche competenze ma anche dei limiti.
Il medico-chirurgo può, ovviamente, prescrivere diete a soggetti sani e a soggetti malati. Andando sul sito della FNOMCEO è possibile controllate nell’anagrafe nazionale ove sono iscritti obbligatoriamente tutti i medici che lavorano in Italia.
Per quanto riguarda il biologo, L’art. 3 della Legge 396/67 e il Decreto Ministeriale 22 luglio 1993, n. 362 consentono al biologo di elaborare diete ottimali. Tali diete possono essere rivolte a tutta l’utenza in condizioni fisiologiche. Se invece il cliente presume di essere affetto da una qualche patologia e vorrebbe dal biologo consigli alimentari per curarla, il biologo lo rinvierà al medico perché accerti, con le sue competenze, se il soggetto è affetto da una qualche patologia; solo dopo questo accertamento, il biologo potrà determinare ed elaborare una dieta che consenta, unitamente ai farmaci consigliati dal medico, il recupero dello stato di benessere.
Il Consiglio Superiore di Sanità ha, inoltre, conferito al biologo la competenza di elaborare diete in funzione delle intolleranze alimentari, l’elaborazione di diete destinate sia a soggetti sani sia a soggetti cui è stata destinata una patologia e può, infine, indicare integratori/supplementi alimentari e altri prodotti dietetici di libera vendita” (Parere del Cons. Sup. Sanità del 15/12/2009, pag.2). Concludendo poi che “il biologo può autonomamente elaborare profili nutrizionali al fine di proporre alla persona che ne fa richiesta un miglioramento del proprio benessere, quale orientamento nutrizionale, finalizzato al miglioramento dello stato di salute” (Parere del Cons. Sup. Sanità del 12/04/2011).
Infine, Il dietista, profilo professionale dell’area tecnico-sanitaria, individuato dal D.M. 14 settembre 1994, n. 744, ex art. 6, comma 3, del D. Lgs. 502/92, “svolge la sua attività professionale in strutture pubbliche o private, in regime di dipendenza o libero professionale” e, in particolare, “in collaborazione con il medico ai fini della formulazione delle diete su prescrizione medica”.
Quella del dietista è una professione sanitaria tecnica, con una formazione di base sensibilmente meno approfondita su vari aspetti, ad esempio, della biochimica e della fisiologia. Aspetto ancor più importante è che il dietista non può operare in autonomia. L’art. 1, comma 2, lettera c), del d.m. 744/1994 stabilisce, incontrovertibilmente, che il dietista “elabora, formula ed attua le diete prescritte dal medico e ne controlla l’accettabilità da parte del paziente“.
Scegliendo il professionista giusto si ha la garanzia di ricevere informazioni equilibrate e corrette.

*Dottoressa, biologo nutrizionista