Pontecorvo – Alternanza Scuola – Lavoro, 15 studenti dell’Istituto Superiore (Linguistico-Scientifico) sono stati a Copenaghen

La conferenza sui cambiamenti climatici che si sta svolgendo a Madrid, in questi giorni, e che coinvolge 197 paesi è l’ennesimo tentativo di trovare un accordo su scala mondiale per salvare il nostro pianeta: ridurre l’emissione di CO2, fermare il surriscaldamento del pianeta, diminuire  l’inquinamento da plastica e altre sostanze tossiche, utilizzare energie rinnovabili sono  imperativi ormai improrogabili.  Realizzare una società felice in cui  a ogni cittadino siano assicurati il benessere economico, sociale, ambientale è l’ambizione che ogni comunità deve perseguire. E non è un caso che proprio Copenaghen sia risultata una delle città più felici del mondo secondo i sondaggi dell’Unesco: una città in cui  si lavora alacremente ma senza sfruttamento, immersa nel verde, servizi di trasporto efficaci, offerta culturale amplia, bar e ristoranti con cucine di ogni latitudine del globo,  spazi architettonici  belli e funzionali, fruibili da tutti,  a misura di ogni età e ceto, e con tanti bambini che respirano fin da piccoli l’aria di un mondo giusto.

E’ qui che 15 ragazzi -Cerro L., Corsetti L., Di Traglia C., Gatti A., Gelfusa L., Molle L. del Liceo Linguistico,  Abbatecola C.,  Caserta M.,  Iorio F., Macari C., Moretti L., Sera G., Severiano M., Tolla S. del  Liceo Scientifico dell’IIS di Pontecorvo, selezionati per  merito,  hanno trascorso 21 giorni per partecipare a un progetto di alternanza scuola lavoro transnazionale, inerente le  migliori pratiche di turismo sostenibile in Danimarca, di 90 ore, e finanziato dalla Comunità Europea .

I  ragazzi hanno avuto un ‘esperienza lavorativa in diversi hotel  e aziende di categoria elevata  della città. All’inizio un poco intimoriti, hanno subito imparato come gestire al meglio il lavoro  e si sono distinti per serietà e dedizione;  hanno interagito in inglese con persone di diverse lingue e culture, hanno ricevuto ringraziamenti e complimenti pubblicati  anche   sul sito di alcune  delle  strutture ospitanti.

L’organizzatore e tramite di questa esperienza è  stata la Camera del Commercio Italo-danese , istituzione di riferimento per la realizzazione del  soggiorno. Svolte le ore di lavoro- formazione, i ragazzi accompagnati dai loro docenti e tutor interni del progetto prof.sse  Di Raimo Angelica e  Trotto Valeria hanno visitato e scoperto i tesori storici e artistici della città. Attraverso il Museo della Guerra, il Museo Nazionale, il Museo Ebraico, la straordinaria Gliptoteca- museo di arte moderna e antica-, il museo Luisiana, hanno  ricostruito la storia di questo splendido paese, ritrovato le sue origini vichinghe  e individuato i legami  artistico-culturali con il  contesto europeo e internazionale. Escursioni, nei giorni domenicali, a Malmo, la vicina Svezia,  a Roskilde, con lo straordinario museo di imbarcazioni vichinghe,  a Helsingore  con il suo mitico castello di Amleto hanno completato il percorso esplorativo dei luoghi nei dintorni di Copenaghen. Stupore e ammirazione hanno  destato anche  il grandioso orto botanico di Copenaghen e il Planetario, come  la straordinaria pista di sci  costruita sul famoso inceneritore Amager Bakke di terza generazione, emblema del modello di sostenibilità che la città veicola .

“Un’esperienza unica ed entusiasmante – è il commento di molti ragazzi che – ringraziando per l’opportunità avuta, ne evidenziano l’importanza in quanto occasione per rafforzare la capacità di autonomia, la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità in un contesto non familiare, la convinzione di poter realizzare i propri sogni sostenuti dalla caparbietà degli obiettivi e anche da un modello sociale, in questo caso, quello danese convincente”.