Pontecorvo/Carnevale 2020- Tutto pronto: domenica la sfilata dei carri

Ora si può festeggiare. Il momento del dolore è alle spalle, quella in arrivo sarà una domenica di festa. La città di Pontecorvo, dopo avere rispettato il lutto per la tragica scomparsa di Tommaso e Luca, vittime dell’incidente stradale di San Valentino, è pronta per il Carnevale. “È giusto e doveroso festeggiare. La città si è stretta attorno alle due famiglie nei giorni della sofferenza, siamo stati tutti al loro fianco. Ora – spiega il sindaco Anselmo Rotondo – largo ai festeggiamenti, alla sfilata dei carri, alle maschere, alla musica, al divertimento. I giovani di Pontecorvo hanno capito e condiviso la nostra scelta di rimandare il Carnevale. Ma domenica sarà festa. Mi permetto solo di rivolgere un invito alle migliaia di giovani che sfileranno in strada. Chiedo a tutti loro di dare dimostrazione di sano e responsabile divertimento, senza eccessi, senza abusi di alcun tipo. Conosco molti di loro e sono certo che i giovani pontecorvesi sapranno vivere la festa con lo spirito giusto”. Il programma ha subito variazioni. Domenica mattina corteo per le strade cittadine, con a capo la reginetta, con i gruppi in maschera, le majorette, le bande musicali e nel pomeriggio la sfilata dei carri. Venerdì mattina (21 febbraio) la visita della reginetta nelle scuole cittadine mentre la gara delle mascherine, riservata ai piccoli, si terrà martedì 25, come sempre al pomeriggio. “Domenica deve essere giorno di festa. Sono stati gli stessi familiari di Luca – aggiunge l’assessore comunale Katiuscia Mulattieri – a chiederci di onorare il Carnevale, vivendolo con la gioia con la quale lo avrebbe festeggiato il loro figliuolo tragicamente scomparso. Così faremo, soprattutto per ringraziare i nostri concittadini per la grande sensibilità dimostrata anche in questa circostanza”. Domenica la sfilata dei carri percorrerà il tragitto storico con partenza dal rione Pastine e arrivo in piazza Porta Pia. “Abbiamo definito ogni dettaglio del corteo per garantire sicurezza e ordine pubblico e soccorsi. Quest’anno – spiega Gaetano Spiridigliozzi, vicepresidente della municipalizzata Asm che cura da tre anni l’organizzazione del Carnevale – abbiamo ripristinato meritocrazia e concorrenza tra i carristi. I premi che assegneremo variano a seconda della classifica. A giudicare i carri saranno i membri della giuria che assisteranno al corteo. Dovranno valutare gli aspetti artistici, i movimenti, le luci, le coreografie. Auguro buon lavoro ai giurati e ringrazio i carristi, sia per il grande lavoro di qualità che hanno messo in campo, sia per avere compreso e condiviso la decisione di annullare la prima sfilata. Domenica i loro capolavori potranno essere ammirati e applauditi da tutti noi”.