Ospedale Riunito Cassino-Pontecorvo: sindaci chiamati a raccolta

IL sindaco Anselmo Rotondo e l’assessore alla Sanità Gianluca Narducci hanno indetto un riunione con tutti i sindaci del territorio per condividere il percorso comune con il quale riaprire l’ospedale di Pontecorvo.

“L’incontro che abbiamo indetto per il giorno 20 maggio alle ore 10 nella sala consiliare del Comune di Pontecorvo è un atto assolutamente necessario per avere la massima condivisione di idee e di progetti che possano portare alla riapertura dell’ospedale Pasquale del Prete.
Quella che abbiamo vissuto e stiamo vivendo è un’emergenza sanitaria di portata internazionale, che ha portato a ripensare e ridisegnare quella che la mappa dalla sanità non solo a livello Nazionale ma anche e sopratutto a livello di territorio.
Il nostro territorio soffre ormai da un decennio la mancanza dell’ospedale Pasquale del Prete di Pontecorvo. Un ospedale che era il fiore all’occhiello ma che, da un punto di vista organizzativo e gestionale era soprattutto un ottimo decongestionante, per l’ospedale Santa scolastica di Cassino.
È questa la nostra formula: avere un unico ospedale riunito Cassino-Pontecorvo.
Come accade in molti altri territori e che si è rivelata una formula vincente per dare più servizi e essere più vicini agli utenti della sanità pubblica.
Per questo il nostro caloroso invito e tutti sindaci del territorio affinché partecipino all’incontro e si rendano protagonisti di quella che deve essere una grande battaglia in favore di tutti cittadini. Quest’iniziativa ricordiamo è solo l’ennesimo atto che abbiamo avviato con l’amministrazione comunale affinché le autorità preposte s’impegnino a riaprire l’ospedale di Pontecorvo. All’inizio di marzo abbiamo già sollecitato la regione Lazio con ben due missive a valutare tali iniziativa”.

Lo affermano in una nota congiunta il sindaco Anselmo Rotondo e l’assessore alla sanità Gianluca Narducci.