L’Intervista – Annalisa Paliotta a tutto campo. “La pace tra Rotondo e Roscia? Vedremo la coerenza nel tempo. Restiamo la vera alternativa”

Annalisa Paliotta, neo consigliere comunale. Alla scorsa tornata elettorale del 20 e 21 settembre ha capeggiato una lista civica. E’ la protagonista della rubrica “Faccia a Faccia” di questa settimana. 


  • Annalisa Paliotta. Archiviata la tornata elettorale, siede nei banchi della minoranza. Cosa le resta dell’esperienza da candidato sindaco?

“Credo sia stato un momento di crescita e di arricchimento umano e politico importante.
Una esperienza che mi ha dato modo di conoscere ancora meglio la realtà del nostro territorio ed essere vicina a molte persone dandomi la possibilità di costituire un gruppo compatto con grande personalità, idee e voglia di fare”.

  • Il progetto Amministrativo messo in piedi continuerà a vivere?

Si, assolutamente. È un progetto politico in cui crediamo fortemente tutti.
Dopo il risultato elettorale ho avuto modo di riflettere tanto e nonostante alcune perplessità ho ritenuto giusto ed importante mantenere in piedi questo progetto. Ci sono tante persone che mi hanno chiesto con entusiasmo di continuare e far crescere questo gruppo.
La mia candidatura era nata da una necessità morale di credere in una città rinnovata ed innovativa. Probabilmente il progetto è stato guardato con scetticismo perché profondamente diverso rispetto ai vecchi metodi stantii di fare politica e questo non ci ha premiato ma l’importante aver tenuto fede all’idea di cambiamento e al percorso politico che abbiamo costruito giorno per giorno e che vogliamo portare avanti. I candidati della mia squadra hanno riconosciuto in me la capacità di fare gruppo e di dare risalto alle competenze dei singoli senza sovrastare le loro voci ma armonizzandole tra loro in un progetto coerente e concreto. Questa è la forza del nostro gruppo e il rispetto delle idee ci tiene uniti anche davanti alle difficoltà”.

  • Tra Rotondo e Roscia è scoppiata la pace. Stretta di mano e foto. Cosa se pensa?

Sinceramente guardo con diffidenza questo gesto. Lo guardo con diffidenza perché mi sembra un espressione di accordo per il potere. Fino a un mese fa i toni sono stati aspri e si è spaccata la città con una polarizzazione estrema senza senso; che ha trasformato la politica in tifoseria.
Senza arrivare alle guerre personali che hanno immobilizzato la città in questi anni sarà importante ora constatare la
coerenza nel tempo”

  • Che opposizione sarà la sua?

“Sarà una opposizione costruttiva ma dura quando necessario. Vigileremo se ci saranno irregolarità o scelte che riterremo sbagliate. Ci siamo presi un impegno con gli elettori e vogliamo mantenere fede alle nostre proposte.
Rotondo, a sua volta, dovrà lavorare per amministrare la città e saremo attenti a questo. Ad ogni modo l’opposizione del gruppo non sarà ostruzionista, ma propositiva augurandoci che questa maggioranza non si chiuda come in passato, ma sia pronta ad accogliere istanze anche da una rappresentanza politica consistente del nostro territorio“.

  • Politicamente guarda al Pd. Inizierà un percorso di partito?

“Alla crescita del nostro gruppo hanno contributo in modo importante alcuni degli esponenti del pd di Pontecorvo che noi stimiamo molto e che vogliamo ringraziare.Fare un percorso di partito sicuramente è diverso. Politicamente oggi non guardo nessun partito.
Abbiamo un gruppo che intendiamo portare avanti, un gruppo del territorio e per il territorio. Per questo abbiamo deciso di consolidare la nostra proposta in un Movimento Politico per la città di Pontecorvo, indipendente; sarà un vero e proprio Fronte Civico, per la tutela e la valorizzazione della nostra città. La mia intenzione è di gettare fondamenta solide per il proseguimento del nostro percorso politico e per mantenere vivo il contatto con la nostra base elettorale. Se la politica partitica vuole in qualche modo attenzionare questo gruppo noi ci siamo e siamo pronti ad ogni confronto purché vengano mantenuti e rispettati i principi fondamentali del progetto che intendiamo portare avanti per Pontecorvo. Credo comunque che il PD debba fare delle riflessioni sulla politica locale e sul ruolo che intende avere.

Vorrei ringraziare ufficialmente la Consigliera Regionale Marta Bonafoni, per aver sostenuto questo gruppo e la mia candidatura, Annalisa Corrado portavoce di Green Italia. Ovviamente vorremmo porgere un ringraziamento a tutti coloro che ci hanno voluto sostenere, che hanno voluto credere in noi ed eleggere in consiglio comunale una rappresentanza di questo gruppo e ringrazio ovviamente lei per l’intervista”.

..Grazie a Lei .