Cassino-Pontecorvo – Zona Rossa: non ci sono le condizioni per chiedere deroghe

La sostanza è nella presa d’atto: “Gli ultimissimi dati della situazione epidemiologica nel nostro territorio, purtroppo, non consentono di poter avanzare richieste di ripensamenti rispetto alla determinazione regionale della dichiarazione di zona rossa di tutta la provincia di Frosinone, Cassinate compreso”, questo il testo emerso a margine della riunione della Consulta dei sindaci del Lazio Meridionale, riunita dal sindaco Salera.

Cristallizzata la zona rossa e accantonate le ipotesi di deroga i sindaci hanno chiesto “al Governo nazionale e alla Regione Lazio, per le rispettive competenze, di attuare una immediata politica di sostegno mediante solleciti contributi economici a tutela delle piccole e medie imprese del nostro territorio fortemente penalizzate dalla drastica ultima misura restrittiva”.

Chiesti più controlli: “Alla Prefettura di Frosinone un rafforzamento dei controlli delle Forze dell’Ordine in merito al rispetto delle misure atte a contenere la diffusione dell’epidemia emanate dalla Regione Lazio, non avendo i Sindaci strumenti e mezzi sufficienti a tal fine”. 
Alla Direzione generale della Asl di Frosinone, infine, è stata avanzata l’istanza per la “dislocazione sul territorio
di un maggior numero di presidi per le vaccinazioni”.