L’onorevole Gerardi, primo Grande Elettore per Pontecorvo

Dall’alba della Repubblica (avvenuta il 2 giugno 1946), mai un cittadino di Pontecorvo ha varcato la soglia di Montecitorio e di conseguenza mai Pontecorvo ha avuto un Grande Elettore, chiamato a partecipare all’elezione del presidente della Repubblica, il momento più importante per la vita politica e istituzionale del Paese. Oggi per la prima volta Francesca Gerardi, onorevole, deputato della XVIII Legislatura in quota Lega, ha segnato il doppio primato.
Sta partecipando ad una delle più incerte e dibattute partite per l’elezione del 13esimo capo dello stato. Oggi è stata fumata nera. Sono ore di incontri e confronti nei palazzi romani della politica, dove si cerca un accordo più ampio possibile sul nome del successore di Sergio Mattarella.

“Abbiamo – ha detto l’onorevole Gerardi ad Interno28 – una grande occasione davanti a noi come l’elezione del Presidente della repubblica. È per me l’occasione giusta per portare il nome della mia terra di Ciociaria e della città di Pontecorvo ad un appuntamento così importante con la storia. È per me un onore ed un dovere da italiana”.

A votare, ricordiamo secondo l’articolo 83 della costituzione, il parlamento in seduta comune e i rappresentanti delle regioni. I senatori e i deputati sono 951 in tutto
Dei 1.009 grandi elettori 951 sono parlamentari: 630 deputati, 315 senatori e sei senatori a vita e 58 rappresentanti delle regioni.
Sempre l’articolo 83 della costituzione ci dice il sistema di voto: “L’elezione del Presidente della Repubblica ha luogo per scrutinio segreto a maggioranza di due terzi dell’assemblea. Dopo il terzo scrutinio è sufficiente la maggioranza assoluta”.