Piedimonte San Germano – Protocollo d’intesa tra Rotary Club di Cassino e Consorzio dei Servizi Sociali

Siglato oggi il protocollo d’intesa tra Rotary Club di Cassino e Consorzio dei Servizi Sociali: grazie alle firme apposte dal presidente del Rotary Michele Ciufo e dal presidente del Consorzio Edoardo Fabrizio, i ragazzi diversamente abili parteciperanno al Corso di alfabetizzazione informatica che si terrà a partire dal 3 marzo presso l’aula di informatica dell’Itis “E. Majorana” di Cassino.

Entusiasta il presidente Fabrizio per l’opportunità offerta agli utenti dei centri consortili per la disabilità dall’importante organizzazione del presidente Ciufo, che ha voluto ringraziare, insieme all’avvocato Alessia Russo presente all’incontro (particolarmente impegnata nel campo del sociale). Presente alla sigla del protocollo d’intesa anche il rappresentante del Cda consortile Antonio Trelle.

Commosso dal canto suo, il presidente del Rotary, che non ha nascosto una particolare sensibilità verso la condizione vissuta dalle persone con disabilità e dalle loro famiglie. Accomunati dall’obiettivo comune di renderne migliore la vita, per quanto possibile, i due presidenti si sono stretti la mano promettendo collaborazioni future.

Intanto si comincia con il corso di Alfabetizzazione informatica per la realizzazione del quale il Rotary fornirà tutte le risorse necessarie, mentre il Consorzio provvederà al trasporto ed all’accompagnamento con i propri operatori professionali. Il corso, della durata di dieci lezioni, vuole dare uno strumento ai ragazzi per meglio conoscere l’utilizzo del computer e dei software maggiormente diffusi, senza trascurare i social network, oggi strumenti indispensabili nel mondo del lavoro, e soprattutto di ausilio nella vita quotidiana oltre a favorire la socializzazione.

Un altro aspetto non meno importante ha sottolineato il presidente del Rotary Ciufo, riguardante il concetto di “amicizia”, ritenuto forse l’obiettivo principale del corso: l’amicizia che nascerà dal rapporto dei ragazzi con altri frequentanti il corso: “Vogliamo creare occasioni di incontro – ha illustrato Ciufo – che possano promuovere maggiore comprensione e risvegliare l’amore e l’apprezzamento degli altri”.