Pontecorvo – Strappo in maggioranza, Paliotta apre al dialogo con Tanzi e Moira Rotondo

 “Mi sono concessa qualche ora di riflessione per cercare di essere obiettiva e provare a ragionare a mente lucida su quanto successo in questi giorni in città e ieri in consiglio comunale. Esistono circostanza in cui un “NO” non vuol essere un semplice dissenso figlio di un gioco dei ruoli tra maggioranza ed opposizione o di possibili incomprensioni all’interno di un gruppo amministrativo”, Così Annalisa Paliotta, consigliere comunale di minoranza.

“Un “NO “può rappresentare un atto di coraggio che seppur nella prospettiva immediata infelice di un commissariamento può proteggere l’ente e la cittadinanza stessa da un possibile dissesto economico importante. Nei giorni trascorsi abbiamo assistito alle richieste dell’amministrazione rivolte anche a noi consiglieri di minoranza di votare e appoggiare il bilancio previsionale discusso ieri in consiglio comunale convinta dell’atto di contrarietà espresso già in assise mi preme sottolineare che tale votazione vuole rappresentare una distanza da scelte amministrative che non condivido e ritengo pericolose per l’equilibrio dell’economia della città stessa.
Mi sono quindi assunta la responsabilità formale di prendere una posizione di netta contrarietà ad un bilancio che di fatto è il risultato di scelte amministrative che ad oggi sono risultate inadeguate. Un bilancio che nel concreto determina un aumento della Tari(con un progetto di raccolta differenziata che di fatto non risulta nemmeno lontanamente idonea a coprire le necessità e l’utenza cittadina) e il reinserimento della Tosap nel pluriennale”. Infine l’apertura a Gabriele Tanzi e Moira Rotondo e la presa d’atto della posizione assunta da Massimiliano Folcarelli.
“Esprimo -dice- solidarietà a maggior ragione per questo ai consiglieri Gabriele Tanzi e Moira Rotondo per il coraggio avuto nel dissentire dal loro stesso gruppo di maggioranza con senso di responsabilità e lungimiranza assumendo la posizione più scomoda di tutti ma necessaria. Prendo atto della diversa veduta politica del collega del gruppo misto Massimiliano Folcarelli e come membro della minoranza avrei piacere ad aprire un dialogo con i 2 consiglieri Tanzi e Rotondo e con tutte le forze positive della città pronte ad un confronto costruttivo. Nel frattempo continuerò il mio operato con impegno al di là dei personalismi dei singoli.
C’è la necessità di dare un nuovo slancio alla città e questo bilancio a mio parere ne sarà il primo ostacolo”.