Editoriale – E.. sono quattro. Inauguriamo oggi la rubrica La Lettura. Furore di Steinbeck

Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito… perché la lettura è un’immortalità all’indietro”. Umberto Eco definiva così l’esercizio semplice, ma estremamente affascinante di leggere.

Un esercizio che ci piace sostenere, perché la principale “missione” di interno28 è proprio quella di divulgare, con la massima umiltà e senza pretesa d’insegnamento o condizionamento, la cultura, a tutti i livelli e in tutte le sue forme: la cultura letteraria, la cultura ambientale, la cultura delle tradizioni, la cultura di tutelare la salute e il benessere. La cultura del buon vivere, la cultura della legalità. La cultura. Punto. Per esse protagonisti della propria esistenza ed essere uomini liberi, liberi di scegliere. Sempre senza condizionamenti. 

Oggi inauguriamo la quarta rubrica, a curarla sarà Antonio Centonfante. 

Le tre rubriche già in essere sono: “Il Commento” di Luigi Sparagna che affronta le tematiche, con assoluto occhio critiche, dell’attualità politica, sociale ed economica, #appuntamentoconlastoria, a cura di Umberto Grossi, responsabile del Museo delle Battaglie di Pontecorvo e #internosalute&benessere curata dalla dottoressa Rosalba Carnevale, biologa nutrizionista.  Oggi il primo respiro della rubrica La Lettura. Pillole di testi selezionati da Antonio Centofante. Accuratamente selezionati.  Libri che ci aiutano in quel viaggio immaginario, ma fantastico “dell’immortalità all’indietro”, come lo ha definito Umberto Eco. 

Tutte le rubriche sono nella sezione Cultura http://www.interno28.com/home/category/cultura/ 

Buona Lettura.

(dir)

     —————————————————————————————————————————————

Il penoso esodo di una famiglia di agricoltori nell’America degli anni ’30, sfrattata dalla propria terra, in fuga dalla polvere e dalla miseria, verso quella California tanto idealizzata quanto avara di soddisfazioni. L’ Odissea della famiglia Joad è una storia biblica e universale, nella quale i protagonisti imparano a caro prezzo che la ricerca del lavoro coincide con la volontà di riappropriarsi della propria dignità, e che la lotta contro le ingiustizie sociali poggia le sue fondamenta sulla solidarietà umana.